ACDMAECI


Associazione Consorti Dipendenti Ministero Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Ultime notizie

Gruppo di lettura in Italiano

Il primo incontro del Gruppo avrà luogo al Circolo del MAE  giovedì 15 ottobre dalle ore 13.30 alle ore 15.00. Poi avrà sempre cadenza mensile, il terzo giovedì di ogni mese. La responsabile del gruppo è Federica Giungi.

Per informazioni rivolgersi all’ufficio ACDMAE


Gruppo di lettura in Spagnolo

Ogni terzo martedì del mese alle ore 10.30-12.30 si riunisce al Circolo del MAE il gruppo di lettura in Spagnolo, condotto dalla Socia Maria Gabriela Serpi. Primo appuntamento di ottobre, martedì 11.

Per informazioni chiamare l’ufficio ACDMAE


Consorti di fatto
Lo Statuto dell’ACDMAE, modificato il 25 settembre 2013 (Art.4), dà la possibilità ai consorti di fatto di diventare soci a pieno titolo.


Aggiornamenti EUFASA

La prossima Conferenza EUFASA avrà luogo, nella primavera del 2017, in Finlandia a Helsinki.


Letture di Dante
L’Ambasciatore Raffaele Campanella riprenderà il ciclo di letture dantesche dal 7 marzo 2017, dal XII al XXXIII Canto del Purgatorio


INSIEME A ROMA
Sono online i programmi di Insieme a Roma 2016-2017. Chi fosse interessato può chiedere le password all’Associazione. 


Bacheca

La Lampadina: Periodiche Illuminazioni Vi proponiamo di leggere questo giornalino con cui abbiamo fatto un patto di... lettura e di collaborazione, potrete anche iscrivervi e riceverlo direttamente.


E’ disponibile  il libretto e la versione pdf della  "Guida Dotazioni", utile a chi parte per l’estero come Consorte di Capo Missione, di Console Generale o di Ministro Consigliere. Chi fosse interessato la puo’ richiedere in ufficio.


Interessantissimo sito di supporto e informazioni per chi va all’estero, ci vive e ritorna in patria : www.expatclic.com


Invitiamo i soci dell’ACDMAE a visitare il sito interattivo, estremamente interessante per tutti coloro che vivono all’estero e/o hanno una "global mind", www.internations.org. Ci si può iscrivere gratuitamente, ma solo su invito. Contattare l’ACDMAE per ricevere il link esclusivo a noi riservato!



XXIV CONFERENZA EUFASA

Parigi 19-20 maggio 2008

Quest’ anno la XXIV conferenza EUFASA si è tenuta a Parigi. All’ordine del giorno vi erano alcuni temi  importanti quali “Foreign Born Spouses”, “Pension for Spouses”,  “Working abroad”, “Voluntary work” e il miglioramento del public website (www.eufasa.org) .
La conferenza è stata aperta dal Segretario Generale del Ministero degli Esteri francese Ambasciatore Gérard Errera che ha illustrato una serie di iniziative concrete per i consorti riconoscendo le difficoltà che incontrano in questo tipo di vita.

1. Al fine di compensare le difficoltà dovute alla perdita del lavoro, il Ministero francese intende incoraggiare le possibilità di incarichi all’estero attraverso i comitati per l’impiego (oltre 50), gli accordi bilaterali (altri 18 che si aggiungono ai 10 esistenti) e ai 130 posti ‘doppi’ (nel caso di due diplomatici attivi) grazie all’appoggio della Direzione Risorse Umane.

2.  Inoltre, si sta pensando ad alcune  possibili azioni concrete:

  • Versare il 10% per il consorte (supplément familial) direttamente al consorte;
  • oppure in un fondo pensione a nome del consorte;
  • Riconoscimento di uno statuto ufficiale del consorte
  • ‘Retirement benefit’ corrisposto dal Ministero al consorte

E’ necessario intensificare le attività di assistenza alla partenza per l’estero e in particolare al rientro a casa (in Francia dispongono di un family officer salariato per aiutare nelle questioni anche più pratiche) al fine di garantire un senso di continuità alla coppia.
Il Segretario  Generale, concludendo, ha auspicato che l’evoluzione del rapporto tra uomo e donna del tempo attuale possa anche essere al centro delle politiche dell’UE e al passo con i tempi.

I lavori sono proseguiti con i punti all’ ordine del giorno:

1. Foreign Born Spouses
Questo gruppo di lavoro, presieduto dai Paesi Bassi, ha messo in evidenza le varie difficoltà che incontrano i consorti stranieri ad integrarsi nei paesi di provenienza del funzionario che hanno sposato. Le difficoltà riguardano l’ottenimento della nazionalità, i permessi di lavoro, l’ assicurazione sanitaria, il lavoro  all’ estero, l’ eventuale divorzio dal coniuge e la pensione.
In alcuni paesi l’ assistenza è maggiore in quanto vengono offerti corsi di lingue ed una attenzione particolare da parte dell’ Amministrazione  ai coniugi stranieri.

2. Pension for spouses
La pensione per il coniuge che non lavora ma che segue il funzionario nei suoi spostamenti all’ estero aiutandolo nella vita di rappresentanza è un problema molto sentito da tutti i paesi dell’ Unione Europea. Infatti sempre più spesso si tratta di persone di elevata professionalità che lasciano il proprio lavoro e che si ritroveranno alla fine senza una pensione.
Per questo motivo paesi quali la Gran Bretagna, la Finlandia, la Germania , hanno previsto una somma di denaro versata direttamente al coniuge a titolo di compensazione (Compensation for loss of pension rights.

3.Working Abroad   
Il lavoro all’estero dei consorti  è considerato di particolare importanza da tutti i paesi. A questo proposito era stato effettuato un paragone, fra i paesi che fanno parte dell’EUFASA, riguardo alle agevolazioni fornite dalle rispettive Amministrazioni per aiutare il coniuge a trovare lavoro quando si trova in una sede estera.

I parametri considerati sono i seguenti:

  • possibilità di percepire l’ indennità anche nel caso in cui il consorte lavori all’ estero,
  • corsi di formazione forniti dall’ Amministrazione ( lingue, computer ecc..),
  • presenza di un “Family Office” all’interno dell’Amministrazione che si occupa dei problemi dei        consorti e delle famiglie in materia di trasferimenti e lavoro all’ estero,
  • paesi nei quali e possibile lavorare in Ambasciate, Consolati ed Istituti di Cultura,
  • numero di Accordi Bilaterali stipulati dai vari Ministeri degli Esteri,
  • presenza di un job database per la ricerca del lavoro per i consorti.

Rispetto a questi parametri, la nostra Amministrazione figura fra le ultime….

Un’ulteriore ricerca è stata effettuata  riguardo a società (“job platform”) che tramite  internet aiutano il coniuge a trovar lavoro quando è all’estero ( come partnersjob.com, goinglobal.com, nextexpat.com, Manpower): a volte la spesa per usufruire dei loro servizi viene direttamente corrisposta dall’ Amministrazione ( come nel caso di Francia e Gran Bretagna ), a dimostrazione del valore attribuito alla professionalità e alla carriera del consorte.
Al momento è stato negoziato dall’ Eufasa l’ utilizzo gratuito per sei mesi del sito goinglobal.com, un motore di ricerca americano, che fornisce un aiuto nella ricerca di lavoro.
La nostra associazione rileva inoltre il numero esiguo di Accordi Bilaterali che l’ Italia ha con i paesi extraeuropei, perchè limitano le possibilità lavorative anche del coniuge che intendesse rinunciare al 20%  , pur di avere una realizzazione professionale.

4. Voluntary work
Questo gruppo di lavoro è stato organizzato dai francesi che hanno illustrato i risultati di un questionario sul volontariato in Europa che presenta una situazione molto disomogenea, anche per le diverse definizioni date al termine ‘lavoro volontario’.
Interessante ed innovativa  è stata la presentazione del Passaporto del Volontario (Passeport du Bénévole) realizzato con la collaborazione del Ministero per lo Sport, il Ministero dell’Istruzione, L’Ufficio di collocamento in appena un anno di lavoro (2006). Si tratta del riconoscimento ufficiale di un’esperienza almeno triennale effettiva, trascritta in questo documento nominativo, che comporta una descrizione dettagliata del volontario, delle competenze acquisite e del lavoro svolto. Il  passaporto è un documento ufficiale che ha come obiettivo di potere  ottenere un attestato (Validation des Acquis de l’Experience=VAE), per completare il proprio CV e per agevolare il reinserimento professionale (ad es. al rientro in patria). E’ uno strumento che valorizza l’esperienza del volontariato nella quale si identificano i consorti dei diplomatici. Oggi in Francia esistono 14 milioni di volontari; sono stati già consegnati 15.000 passaporti  e si prevede di arrivare a 50.000 entro fine anno.
In Francia la convalida delle competenze (Validation des Acquis) è disciplinata da due leggi (1984 e 1992) e dal 1 gen. 2002, si è convertito in un Attestato (certification) rilasciato da organi ufficiali (CNCP, CRIS, PRC o PIC) dopo avere verificato la pratica di almeno 3 anni documentati di esperienza di volontariato, di formazione o di lavoro in un campo diverso dal proprio. Tali organi ufficiali informano, consigliano e aiutano il richiedente a completare il percorso volto a trovare un impiego o a completare un ciclo di studi. Agiscono come sorta di ponte o trampolino per rientrare con un giusto riconoscimento nel mercato del lavoro.
E’  stato infine  presentato il MITEC , un progetto volto a creare uno strumento di orientamento professionale per persone che hanno un’esperienza atipica rispetto al mercato del lavoro tradizionale, ad es. i volontari, espatriati, sportivi professionisti. Lo scopo è di valorizzare queste competenze, fare conoscere questi percorsi alternativi e consentire di formalizzare le conoscenze per un riconoscimento e quindi la ricerca di un impiego adeguato.


5. Gruppi di lavoro per la Conferenza 2009
Sono stati costituti i  gruppi di lavoro per la Conferenza di Praga. L’ ACDMAE partecipa al gruppo sul ‘LAVORO’ e sulla ristrutturazione del sito web pubblico dell’ EUFASA.

La prossima Conferenza avrà luogo a Praga il 26-28 aprile del 2009.